lunedì 15 ottobre 2012

Quanto lavora un prof, per davvero?

Riporto integralmente, con il gentile consenso dell'autore, un articolo dell'amico e collega Stefano Biavaschi, che chiarisce perfettamente la concreta realtà dell'impegno orario di un docente.

Ogni riferimento alle recenti discussioni circa la (pessima) proposta di portare le ore di insegnamento da 18 a 24, a parità di stipendio, è puramente intenzionale.

Grazie Stefano!

________________

Aggiornamenti! Vedi anche:
_____________________________
Quante ore lavora un docente delle superiori? Solo 18 ore come dice il suo orario cattedra? Assolutamente no, e chi insegna lo sa bene.
Il docente delle superiori a queste 18 ore deve aggiungere: almeno un'ora di ricevimento genitori alla settimana, circa un'ora di preparazione delle lezioni per ogni classe che incontrerà il giorno dopo, più le ore per la correzione dei compiti in classe (almeno mezz'ora per ogni studente), e inoltre c'è da aggiungere le ore dei consigli di classe (da moltiplicare per il numero delle proprie classi), le ore di collegio docenti (sempre più lunghi e frequenti), le ore di riunioni per materia (aggravate dalle novità apportate dalla riforma), e infine le ore degli scrutini (diventati incredibilmente lunghi per l'introduzione del meccanismo dei crediti scolastici e dei crediti formativi).

martedì 9 ottobre 2012

A che serve l'onestà?

Corrado Alvaro (immagine Wikimedia)
La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile. (Corrado Alvaro)
Questa è esattamente la tragedia che sta avvenendo sotto i nostri occhi - e con la connivenza di alcuni fra noi - nelle coscienze dei nostri ragazzi.

Di questo, più che di tante altre porcheriole, la nostra generazione dovrà duramente rendere conto, prima o poi.

La sfida per noi, adulti ed educatori, è questa: mostrare ai ragazzi che vale la pena di essere onesti, retti e leali, anche se gran parte di ciò che li circonda strilla proprio il contrario.

Ma come si fa? Con discorsi moraleggianti? No: non reggono il confronto con l'invadenza mediatica, lampeggiante e rumorosa, del messaggio opposto. 

Credo che l'unico sistema sia mostrare un'esperienza: la nostra personale esperienza. Forse è tempo di deporre qualche legittimo pudore e giusta riservatezza, e lasciar intravedere qualcosa delle nostre scelte personali, quelle improntate ad onestà, lealtà, fedeltà agli impegni presi ecc., insieme al fatto che siamo contenti di averle prese. Forse l'unico modo per essere convincenti in questo campo, nei confronti di ragazzi che hanno un disperato bisogno di positività e di speranza, è mostrare loro - molto più coi fatti che con le parole - che non ci siamo mai pentiti di essere leali ed onesti e di cercare il bene: e che la vita è davvero più bella, quando è vissuta così.

[Grazie all'amica e collega Maria Cristina Teti, che ha proposto questo aforisma sulla sua pagina Facebook!]

lunedì 1 ottobre 2012

Quando eravamo importanti

Quando ero piccola io, la scuola iniziava oggi, il primo ottobre.
E siccome era san Remigio, i bambini che iniziavano la prima elementare si chiamavano remigini. Solo che allora non portavano zaini così grossi.
Quanto allo stress, beh, più o meno era lo stesso.

immagine di Antonello Silverini

La canzone del video che segue l'ho cantata un sacco di volte, da piccola: mi riempiva di una strana fierezza...

Adesso siam scolari, ci dovete rispettar!
Apriteci le porte, su lasciateci passar... 
Noi siamo le colonne della prima elementar! 

Un'altra canzone dedicata ai remigini, anche quella del coro dell'Antoniano (su YouTube non l'ho trovata...), diceva fra l'altro: 

...Diventerò un poeta immortale, 
Progetterò con calcoli perfetti 
Il più grande satellite spaziale, 
E una città vivente in fondo al mare! ...


Tracce di un tempo in cui l'Italia era ancora convinta che i bambini fossero importanti.

 

lunedì 24 settembre 2012

Mai senza di loro


Quando i genitori di un mio alunno vengono a parlarmi, tranne rare eccezioni, io insisto perché il ragazzo sia presente.

La ragione fondamentale è questa: il protagonista del successo scolastico di uno studente è proprio lui. Glielo dico e ripeto cento volte, in classe: ci credo davvero... che senso avrebbe smentire quest'affermazione in una circostanza tanto delicata per un adolescente?

Se lo si esclude al momento dei colloqui, implicitamente si afferma che la libertà del ragazzo non è realmente in gioco. In un certo senso, sia pure per il suo bene, genitore e docente si apprestano a concordare modi di manipolarne il comportamento, o perlomeno a fargli una sorta di processo in contumacia, a porte chiuse.

Alla sua presenza, invece, genitore e docente si giocano la loro credibilità. Hanno veramente stima in lui? Sono disposti a credere in lui? A scommettere su di lui?

sabato 1 settembre 2012

Dieci cose che non voglio fare mai

Photo Credit: Laura4Smith via Compfight cc

  1. dire a un collega, o anche solo pensare, che un mio alunno è stupido.
    Anche se lo fosse, e quasi mai è vero, è mio compito farlo diventare intelligente. E' il mio mestiere.
  2. dire a un ragazzo "non lo capirai mai, non ce la farai mai".
    Come sopra.
  3. prendere in giro un alunno per qualcosa che non sa. Azione vigliacca, spregevole e meschina quanto poche altre. Un ortodontista che dileggiasse pubblicamente i suoi pazienti per i loro denti non allineati sarebbe più simpatico.
  4. giudicare i miei alunni sul piano personale in base ai loro voti.
    Un voto è la valutazione di una singola prestazione, ben delimitata nel tempo e nello spazio: non ha proprio nulla a che fare con il valore della persona.
  5. esigere dagli alunni comportamenti che io per prima non sono disposta a seguire. Consumazioni in classe di caffè, cioccolate calde, biscottini, crackers, focaccine, aranciate: se non possono loro, non posso neanch'io. Uso del cellulare: la legge è uguale per tutti; ma se ho un'emergenza, spiego e mi scuso, così come permetto che loro facciano in casi speciali. Puntualità nella consegna dei compiti, saluto, ascolto attento, rispetto, sempre: semplici doveri reciproci. Ma l'esempio dobbiamo darlo noi.
  6. far leggere ad alta voce brani del testo durante la spiegazione. Confesso: l'ho fatto, qualche volta, in passato. Nel migliore dei casi, è perfettamente inutile. Una noia mortale per tutti; un invito irresistibile alla distrazione (che in quel caso è una forma di legittima difesa). Quando - raramente - abbiamo bisogno di seguire il testo in classe, lo leggerò io, modulando toni e velocità secondo le esigenze della spiegazione, possibilmente stando in piedi in mezzo a loro, e non leggendo mai più di una o due frasi di seguito senza commentarle.
  7. caricare i miei studenti di compiti a casa.
    Non c'è modo più sicuro di far loro odiare lo studio, quella materia, l'insegnante, la scuola. Per sempre.
  8. dire a un genitore "suo figlio ha bisogno di prendere lezioni private nella mia materia".Assurdo: tanto varrebbe dichiarare nero su bianco "sono un incapace". Come giudicherei un medico che dopo avermi visitato dicesse: "uhm, le consiglio di rivolgersi ad un bravo medico"?
  9. dire "siete la classe peggiore di questa scuola/che mai mi sia capitata". Ma davvero non ci ricordiamo che l'hanno detto anche a noi, quando eravamo a scuola? E come ci siamo sentiti a queste parole: forse motivati, spronati a dare il meglio di noi? Le orecchie dei nostri alunni hanno un traduttore simultaneo incorporato, e questa frase suona loro così: non so proprio che pesci pigliare con voi, non ho la minima idea di come gestire questo gruppo classe, ma lungi dallo sforzarmi di trovare una strategia vincente, mi dichiaro sconfitta in partenza e vi liquido con una trita banalità. Mica male come programma.
  10. consigliare - o peggio, esigere - l'acquisto di libri o altro materiale non previsto sin dall'inizio. 

    Tante famiglia hanno grossi problemi economici. Per davvero. E spesso le situazioni più drammatiche sono quelle non dette. Ci sono mille modi, oramai, di fornire a costo zero o quasi ogni sorta di sussidi. E se davvero fosse così importante ed inevitabile, ci metterò qualcosina di tasca mia: non sarà poi così diverso dal trascorrere quegli interi weekend correggendo pile di compiti.

martedì 21 agosto 2012

Invito all'azione

Tutto nell'insegnamento è un invito all'azione.
Se i tuoi studenti non sono portati ad agire dalla tua lezione, qual era lo scopo?
L'unica ragione per insegnare è cambiare il mondo.
Se non credi a questo...
Quale altra ragione puoi mai avere per insegnare?

Children Reading Pratham Books and Akshara

sabato 4 agosto 2012

"Un'aia per gattopardi"

Senza tanti complimenti, rubo (da qui) al grande Mario Agati un sedicente divertissement di mezza estate, che contiene più verità sulla scuola di tanti pensosi e paludati saggi. 
Lui lo scrisse un anno fa in questi giorni: io ve lo ripropongo adesso perché ... beh, la distanza dal rientro è quella giusta. 
Non vi stancherete tanto in fretta di leggerlo e rileggerlo. Enjoy.
_________________________________________________________

Dibattiti, convegni, seminari,
e libri.
Articoli, post, postini,
e libri.
Collegi, consigli, giunte, assemblee,
e libri.
Parole, e parole e parole.
E parole.
Per tentare di descrivere
la scuola.

La scuola è…

…un alibificio,
una culla di insipienza,
un mammificio pedagogico,
la fiera delle vanità egualitarie,
un onanistico bla bla fra le fratte,
una fuga deformante di aule sorde,
la chiassosa sala d’attesa della vita,
un catalizzatore di banchetti verdolini,
una perenne sperimentazione del nulla,
la capra espiatrice di ogni italico malanno,
un club dopolavoristico per chi non ha lavoro,
il covo di chi insegna inglese parlando marchigiano,
una onirica palestra di rivoluzionari restauranti,
un vernissage dimenticato di graffiti d’ardesia,
il sacro luogo del tempo pieno di vuoto,
una matrice di simpatiche amebe,
un brodo d’inconsapevolezza,
l’eden ricolmo di foglie di fico,
un luogo di sollazzo e riso,
un’aia per gattopardi,
eccetera...

La scuola
dovrebbe essere…

…un luogo
dove lo studente studia
e l’insegnante insegna.

Punto.

A grudge by G.R.G.
A grudge a photo by G.R.G. on Flickr.

venerdì 27 luglio 2012

La scuola degli altri: Corea del Nord

Più che sulla scuola, queste immagini vogliono essere uno sguardo sulla vita dei bambini e dei ragazzi nordcoreani. 

Poco si può sapere con certezza, perché la censura che grava su quel mondo è ancora pressoché assoluta, ma osservando bene, molto si può intuire. 

(Cliccando su ogni immagine si può vedere ingrandita.)

1

martedì 24 luglio 2012

E' ovvio, ma mi piace

Qualcuno dirà che sono i soliti americani che scoprono l'acqua calda.

A me tuttavia fa un gran piacere che qualcuno si dia la briga di raccogliere dati e dimostrare con il conforto della matematica ciò che il buonsenso suggerisce.

Perché capita, prima o poi, di aver a che fare con qualcuno che il buonsenso non ce l'ha: ed allora qualche numerino in più può far comodo.

Elise with her teacher Ms. Botheras by 4Cheungs
photo by 4Cheungs on Flickr.
Relationships Improve Student Success, ScienceDaily  — Quando gli studenti hanno scarsi risultati, gli addetti al settore scuola spesso prendono in esame la dimensione del gruppo classe, i programmi di studio e i fondi a disposizione, ma alcuni ricercatori dell'Università del Missouri suggeriscono che costruire relazioni può essere un modo potente e meno costoso di migliorare i livelli del successo scolastico degli studenti. In una review della loro ricerca, essi mostrano che gli studenti dotati di una relazione positiva di attaccamento ai propri insegnanti e alla propria scuola hanno voti migliori e punteggi migliori nei test standardizzati.
"In un'epoca come la nostra in cui è importante l'affidabilità [nelle politiche scolastiche], migliorare la relazione studenti - insegnanti non è una semplice aggiunta, ma piuttosto è qualcosa di fondamentale per migliorare i risultati", ha dichiarato Christi Bergin, professore associato nel MU College of Education. "Solide relazioni fra studenti e insegnanti sono predittive di migliori conoscenze, voti migliori, maggiore motivazione allo studio, meno provvedimenti disciplinari, minore necessità a interventi di sostegno. I bambini con relazioni conflittuali con gli insegnanti tendono a gradire meno la scuola, sono meno autonomi e meno cooperativi in classe. (...) I bambini che hanno un  attaccamento sano [con gli insegnanti] 
sono maggiormente in grado di controllare le proprie emozioni, hanno migliori competenze di socializzazione, e sono maggiormente disposti ad impegnarsi in compiti difficili in classe."
Journal reference: C. Bergin and D. Bergin. Attachment in the Classroom. Education Psychology Review.
Tutto ciò è chiaramente riferito alle scuole elementari, ma l'esperienza quotidiana di tutti gli insegnanti conferma che - con dinamiche diverse - la buona relazione fra studenti e docenti è predittiva di risultati migliori anche alle medie ed alle superiori.


domenica 22 luglio 2012

Compito in classe... accendete i cellulari!

Use cellphones in learning by ottomat3ch
«Se i ragazzi non imparano col nostro modo di insegnare,
forse noi dovremmo insegnare usando il loro modo di imparare»
 
 Use cellphones in learning a photo by ottomat3ch on Flickr.
Ho già scritto che giudico patetico ed anacronistico il feroce tabù che nelle scuole italiane vige sull'uso del cellulare in classe. Finora, tuttavia, abbiamo discusso soltanto di un uso ricreativo, privato, del telefonino da parte dello studente: proibitissimo dai regolamenti, tollerato nella pratica (giustamente, secondo me).

Non abbiamo invece mai discusso su questi schermi la vexata quaestio del reperimento via cellulare delle risposte a una valutazione scritta: l'uso del cellulare alla stregua dei bigliettini, o dei bigini, e di altri sistemi vintage (ma tuttora fiorentissimi). Sì, anche su questo ho un'opinione un po' controcorrente.

giovedì 12 luglio 2012

Conflitti fra genitori e insegnanti: un parere

Fight!! by Sander van der Wel
Fight!! a photo by Sander van der Wel on Flickr.
Sul forum interno di questo sito è stato aperto un topic di discussione a proposito della conflittualità fra genitori e insegnanti. Riporto qui un mio intervento, perché tocca un aspetto della vita scolastica che mi sta estremamente a cuore, e vi invito a leggere gli altri interventi e a partecipare alla discussione direttamente nel forum!
_______________
[Cita da: Gian Paolo Colò il 11/07/2012 - 13:04] ...sono sempre più frequenti lamentele e contestazioni dei genitori nei confronti dei professori e l'arroccamento difensivo dei docenti ... Non sarebbe più educativo per i ragazzi un dialogo franco e costruttivo?

sabato 9 giugno 2012

E cinquecento catenelle che si spezzano in un secondo

IMG_8833 by ernest.zarur
IMG_8833 a photo by ernest.zarur on Flickr.
Un altro anno scolastico è finito, ed io, da precaria, non so in quale altra scuola capiterò l'anno prossimo.

Ogni anno un percorso interrotto, un'avventura spenta sul più bello, tante bellissime relazioni umane che si spezzano. Appena cominci a capire come funziona quel piccolo mondo che è ogni scuola, è già ora di lasciarlo.

Ecco, voglio proprio dirla, questa cosa: desiderare stabilità in questo lavoro - il "ruolo", accidenti - non è solo desiderare il conforto piccolo-borghese di due mesi di stipendio in più e della (relativa) certezza di poter fare la spesa anche l'anno prossimo.
Related Posts with Thumbnails