mercoledì 3 marzo 2010

I pranzi della prof

Spesso il mio pranzo dei giorni feriali consiste in un pacchetto di crackers o arachidi salate della macchinetta, o un panino della sera prima, trangugiati in sala docenti o alla fermata della filovia.

Quando ho qualche minuto in più, tuttavia, assieme ad una maggiore indulgenza verso i piaceri della vita, vado in uno di quei tanti ristoranti, gestiti da cinesi, dove si mangia cibo buono, caldo e tanto, servito con sorrisi e sollecitudine a prezzi assai modici.


C'è il posto frequentato da prof precari e muratori polacchi, quello preferito di prof precari e meccanici africani, il ritrovo di prof precari e fattorini sudamericani, o il posto prediletto da prof precari e colf filippine, o quell'altro pieno di prof precari e badanti slave.

Mentre aspetto il riso cantonese o la mia pizza guardo gli "stranieri", con discrezione mista a curiosità, ed ascolto brandelli di conversazione (anche non sapendo una parola di filippino o moldavo, riesco sempre ad intuire di che cosa parlano, e soprattutto con che animo).

Ogni volta questo studio di sottecchi mi suscita un'ondata nuova di ammirazione e rispetto, intravedendo la fatica, la dignità, il sacrificio e la nobiltà d'animo che accompagna il gagliardo appetito con cui ripuliscono i piatti, con il contorno del dolore per le famiglie lontane, i sogni sempre più sbiaditi, le tante piccole vessazioni quotidiane.

Ed ogni volta mi sento sollecitata ad esaminarmi. Il mio lavoro è duro, intenso, esigente quanto il loro? Utile, prezioso, ancorché misconosciuto, come il loro? Sto anch'io dando il massimo? Ho davvero meritato quel piatto di carne e verdure, così come essi con tutta evidenza si sono meritati il loro?

3 commenti:

  1. Verrebbe da dire (senza ombra di razzismo o snobismo) che un professore dovrebbe mangiare in altri posti... ma questo in un altro paese che non sia il nostro!

    RispondiElimina
  2. Beh, sai... se anche fossi pagata meglio, come dovrei e vorrei, mangerei comunque in quei posti. Ci sto tanto bene!... La tuta sporca di vernice di uno di loro vale più di tanti doppiopetto di grisaglia di certa gente... E i loro sorrisi schietti, la loro allegria, e quel loro modo di studiare il menu, quando li vedi chiaramente pensare che ogni raviolo al vapore in più che ordinano significa un vestitino in meno per una bambina lontana...

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Tutti sono i benvenuti e possono commentare, ma non sono ammessi (e saranno cancellati) troll, spammers, commenti offensivi o anonimi. Chi non è registrato a Blogger o non ha un OpenID deve firmare il proprio commento, anche solo con un nickname.

Related Posts with Thumbnails