domenica 28 dicembre 2008

Un equilibrio delicato

Non possiamo partire dall'idea che sia possibile separare le esigenze degli studenti da quelle degli insegnanti. Esse devono essere mantenute in un delicato equilibrio, che presupponga diritti e responsabilità da ambedue le parti.

Dobbiamo avere la volontà, a livello nazionale, a livello distrettuale, a livello di scuole e di classi, di parlarci, per identificare ciò che ci è necessario perchè sia possibile che si verifichi l'apprendimento, nelle nostre classi.

Gli insegnanti devono sentirsi valorizzati e al sicuro, tanto quanto gli studenti. Dobbiamo capire che non è possibile costringere con la forza gli insegnanti ad insegnare, più di quanto sia possibile costringere con le minacce gli studenti ad imparare. Ma dobbiamo capire anche l'alta responsabilità che abbiamo gli uni verso gli altri, studenti e insegnanti, dirigenti e genitori, nel creare assieme i sistemi e le strutture necessarie alla scuola che vogliamo.

E' così facile demonizzarci a vicenda. E' così facile dire che è tutta colpa degli insegnanti scadenti, o degli studenti svogliati. Ma è tanto difficile trovare soluzioni che siano sostenibili, realistiche e incisive. (...) Si deve partire dal rispetto per i diritti e dall'onorare le responsabilità di tutte le parti coinvolte, studenti, insegnanti, dirigenti e genitori, nel creare scuole che funzionino.

da un recente post del blog Practical Theory di Chris Lehmann

4 commenti:

  1. Giusta analisi su cui non si può non concordare. "Equilibri" purtroppo spesso disattesi. Da più parti, indistintamente.
    ciao Pokan!
    g

    RispondiElimina
  2. Ciao Giovanna! Dopo tante difficoltà sto cercando di tornare a bloggare. Grazie della tua presenza... così fedele!
    Di quest'analisi mi ha colpito in particolare quella parte che dice "è così facile dire che la colpa è tutta di..."
    Un vizio molto italiano (ma evidentemente non soltanto italiano).
    Difficile, ma indispensabile, pensare la scuola come un concerto di esigenze e di responsabilità, che devono pensarsi insieme e non le une contro le altre.

    RispondiElimina
  3. Spero non siano difficoltà gravi....
    eheh... sono una fedele!:-)
    ti seguo dal mio google reader, fai parte di quella decina di blog che vado a leggere regolarmente!
    ciao!
    g

    RispondiElimina
  4. Anch'io ti leggo con google reader!

    RispondiElimina

Tutti sono i benvenuti e possono commentare, ma non sono ammessi (e saranno cancellati) troll, spammers, commenti offensivi o anonimi. Chi non è registrato a Blogger o non ha un OpenID deve firmare il proprio commento, anche solo con un nickname.

Related Posts with Thumbnails