giovedì 11 settembre 2008

Dancing

Copio integralmente un post di Vicki A. Davis, autrice di Cool Cat Teacher Blog, perchè... a me, che peso ottomilaottocentottantotto chili, il tema della leggerezza affascina sempre. Anche in questo mestiere.



Lui scivola, fluttua, fa sembrare tutto così facile. Fred Astaire mi fa sentire rilassata ed allegra nel guardare questo bel numero. Fred Astaire e i grandi insegnanti hanno qualcosa in comune.

1 - Fanno in modo che sembri facile

C'è voluto così tanto tempo per preparare questa scena? Sembra così facile, priva di sforzo!

Ci vuole davvero così tanto per preparare quella lezione? Sembra che tutto sia come "preso al volo" e scorrevole.
Sì. Ci vuole un sacco di tempo. Molte conoscenze, esperienza ed esercizio.


2 - Conoscenza approfondita della propria disciplina

E' evidente che Fred Astaire sapeva come si danza. Lo sapeva in tutto e per tutto. Anche i grandi insegnanti conoscono altrettanto bene la propria materia.

3 - Gioia nel danzare
Fred Astaire amava danzare quanto un grande insegnante ama insegnare. E' nel suo sangue, nelle sue ossa, è la sua vita. E' nato per farlo.


4 - Qualche trucco

Naturalmente, sono state necessarie quattro stanze distinte per questa scena, ed altri trucchi. Ugualmente, i bravi insegnanti conoscono trucchi e scorciatoie per far funzionare le cose. Con
un'occhiata sanno ridurre al silenzio lo studente sbruffone o tirare su di morale un ragazzino triste.

5 - Desiderio di portare innovazione

Fred Astaire ebbe una carriera così lunga e gloriosa perchè non smise mai di migliorarsi. Non smise mai di danzare. Provava cose nuove, si spingeva oltre, sperimentava. Ugualmente, grandi insegnanti come Louise Maine and Ernie Easter, si reinventano continuamente. Si spingono oltre, fanno di più. Non si accontentano mai. Io voglio essere come loro.


Perciò oggi, girando per la tua classe, fa' come se danzassi. Con più leggerezza. Tu sei il Fred Astaire della tua aula.
Bookmark and Share

10 commenti:

  1. che bello!
    Béh, martedì (io inizio martedì prox!)... proverò già qualche passo!:-)

    RispondiElimina
  2. Io inizio lunedì! Sono molto emozionata.

    RispondiElimina
  3. Che bello questo paragone, grazie!

    RispondiElimina
  4. in effetti io mi sono sempre identificata con ginger rogers...

    RispondiElimina
  5. Già! A proposito di Ginger Rogers, una femminista una volta disse: "Faceva tutto quello che faceva Fred Astaire, ma all'indietro, e per di più con i tacchi alti" :o)
    Credo che tutte ci siamo sentite così qualche volta... quando facciamo tutto quello che fanno gli uomini, ma in condizioni più difficili, e per di più con un sorriso.

    RispondiElimina
  6. Poi passi da me? Ho bisogno dei tuoi pensieri...

    RispondiElimina
  7. @ Palmy: Mi fai sentire una specie di nonnetta saggia... Beh, OK, l'età ci può quasi stare; ma la saggezza mica tanto :o)
    @ I.S.: Benvenuta, e grazie!! Io ho fatto lo stesso, iscrivendomi al tuo feed. Non ti conoscevo.

    RispondiElimina
  8. Dai... mi fai quasi sentire una brava insegnante... per me la lezione non è solo parole, ma anche ritmo, pause e silenzi studiati, sguardi, tanta gestualità. Coreografia. Allora posso pensare di non essere completamente flippata... :o)

    RispondiElimina
  9. Ciao Pattygatty! Così ho conosciuto anche il tuo blog, ed eccolo già nel mio blogroll... Tutto vero, quel che dici: la lezione (una buona lezione) è davvero coreografia. Sei sicuramente una prof speciale.

    RispondiElimina

Tutti sono i benvenuti e possono commentare, ma non sono ammessi (e saranno cancellati) troll, spammers, commenti offensivi o anonimi. Chi non è registrato a Blogger o non ha un OpenID deve firmare il proprio commento, anche solo con un nickname.

Related Posts with Thumbnails